L’Arcano de “La Papessa” nel mazzo Samiramay è senz’altro uno dei più accattivanti dal punto di vista grafico-artistico. Il talento di Vera Petruk ha dato il meglio di sé in questa carta.

Stiamo parlando di un arcano che è legato alla chiarezza di vedute, alla saggezza e alla comprensione, alla fede e in generale alla spiritualità. E’ una carta fortemente “femminile”, nel senso che è incentrata sull’accoglienza, riferita a tutti i saperi.

La preparazione e lo studio sono mezzi necessari, la Conoscenza è il traguardo di questo arcano. Il lato invertito di questa carta è legato alla presunzione di conoscenza, alla freddezza, alla severità, alla non condivisione delle conoscenze acquisite. Potremmo dire che il lato oscuro di questa carta è una certa sterilità.

Le capacità intuitive, la consapevolezza, la fiducia e la ricettività sono caratteristiche molto “materne”, ed il rovescio di questo arcano può presentarsi nella forma di una “madre severa e fredda” che non dà nulla.

La Papessa del Samiramay Tarot Deck

Questa bellissima carta è stata concepita e disegnata da Vera Petruk con moltissima attenzione a tutti i dettagli. La protagonista di questo arcano è una figura femminile nuda in posizione seduta.

La metà superiore del suo volto è coperta da un cappuccio di tonalità tendenti al magenta: fronte, occhi, naso e zigomi ci sono occlusi alla vista, ma possiamo vedere le labbra chiuse e il mento appuntito. Al collo la figura indossa una collana con un pendaglio a forma di falce di luna dorata.

I lembi del cappuccio scendono fino a coprirle anche i seni, mentre sulle gambe, ben strette, sorregge un grande libro antico aperto. La sua mano destra è sollevata e rivolge il palmo verso di noi, quasi come in segno di saluto.

Al pollice di questa mano è appesa tramite un sottile filo, una misteriosa chiave dorata. La mano sinistra invece sorregge una pergamena che si srotola al di sotto di essa. Nella pergamena sono contenuti diversi simboli esoterici particolarmente affascinanti.

La sommità della sua testa è coperta dal cappuccio, come già accennato, ma dai lati partono due grosse corna viola scuro, quasi blu. Nello spazio tra le due corna, sospesi sopra la testa della figura, ci sono tre numeri romani: 4, 8, 12.

Molto interessante il trono su cui siede la Papessa: lo schienale è composto da una grande conchiglia che accoglie tutta la figura, mentre il sedile è costituito da una falce di luna rovesciata.

Nei pressi del suo trono splende un bellissimo giglio dai colori azzurrognoli. Tutto intorno alla figura, sapientemente distribuiti, vi sono molti simboli magici e riferimenti alle proprietà della carta come, ad esempio, il numero dell’arcano.

Gli accostamenti di questo gioiello grafico creato dall’artista sono molto tenui, seppure i colori non siano privi di forza. Il risultato è un Arcano pieno di mistero e di fascino.

Alla base di questa carta vi è la dicitura, scritta a grandi caratteri “Hight Priestess”, che potrebbe essere tradotto abbastanza fedelmente con “Grande Sacerdotessa” e che corrisponde alla nostra traduzione italiana della carta de “La Papessa”.

Se ti sei perso gli altri articoli sugli articoli degli arcani del Samiramay, eccoli qui:

–  Samiramay Tarot Deck: The Fool
Samiramay Tarot Deck: The Magician

Se invece sei interessato agli arcani del mazzo Fantasy World Tarot, ecco i link:

Fantasy World Tarot: The Fool
Fantasy World Tarot: The Magician

Tags: Arcani Maggiori, Major Arcana, Samiramay, Samiramay Tarot